Barcellona in 3 giorni (come nessuno conosce)

Di seguito una piccola guida per visitare Barcellona in 3 giorni, visitando luoghi meno turistici ma non meno particolari, molti di questi ad accesso libero.


Dopo essere arrivato a Barcellona IN AEREO (qui le offerte per Barcellona), Nave o traghetto, Treno o Autobus, per entrare in sintonia con la città scegli di alloggiare in hotel a partire da 40 € a notte [Booking] [Trivago], oppure puoi affittare un appartamentino e ti sentirai come un cittadino di Barcellona, risparmiando.


Skyline Barcellona


Le Quattro Colonne del Tempio d’Augusto

In pieno quartiere gotico c’è un luogo segreto che testimonia l’antico splendore dell’impero romano. Al numero 10 della “Calle Paradis”, dentro un edificio medievale, si nascondono infatti le quattro colonne appartenenti ad un antichissimo tempio dedicato al culto dell’Imperatore Augusto. Il Tempio risale al secolo I a.C., aveva una larghezza di 17 metri e una lunghezza di 37, mentre le imponenti colonne sono alte ben 9 metri. L’accesso è gratuito e affascinante anche per i più piccoli.
Tempio Augusti Barcellona Tempio Augusti Barcellona

La Biblioteca Arús e la Statua della Libertà

Lungo il “Paseo de Sant Joan”, un po’ prima dell’enorme arco di trionfo, si trova quella che è stata la prima biblioteca pubblica di Barcellona. Fondata nel 1895, eredità del Gran Maestro della Massoneria Rossend Arús, la biblioteca Arús è un gran bel posto se siete interessati alla Massoneria. Particolare da vedere, la riproduzione in bronzo della Statua della Libertà Americana, alta circa due metri e con una piccola variazione rispetto all’originale: la dicitura del libro sorretto dalla figura femminile che rappresenta la libertà, non è la data della dichiarazione d’indipendenza Americana ma “Anima Libertas” ossia “Libertà dell’Anima”. Anche questo luogo è ad accesso libero.

Biblioteca Arús Barcellona

Biblioteca Arús Barcellona

I rifugi antiaerei

Non tutti sanno che durante la guerra civile spagnola a Barcellona furono progettati e costruiti dei rifugi antiaerei per dare riparo ai civili durante i ripetuti bombardamenti della città. Per un costo esiguo potrete visitare un pezzo della storia di Barcellona. Curiose le scritte che si trovano ancora lungo i tunnel come il “divieto di pessimismo” o il “divieto di parlare di politica” al fine di evitare ulteriori tensioni oltre a quelle già generate dai bombardamenti. Sconsigliato solo se soffrite di claustrofobia.

Rifugi antiaerei Barcellona

Rifugi antiaerei Barcellona

Il Monastero di Pedralbes

Fondato nel XIV secolo dalla regina Elisenda di Montcada, questo affascinante complesso monastico è sconosciuto alla maggior parte dei turisti di Barcellona. Il monastero è in stile gotico catalano e venne usato dalle monache clarisse fino al 1983. Oggi fa parte del Museo di storia di Barcellona e per i vostri bambini l’accesso è gratuito!

Il Monastero di Pedralbes

Il Monastero di Pedralbes

Il Monte Tibidabo

Per godere di un magnifico panorama di Barcellona, raggiungete questo monte poco conosciuto. Dalla cima potrete fare esperienza di una delle viste più belle sulla città. Attenzione se siete con i vostri bambini: il parco divertimenti a pagamento potrebbe essere una tentazione troppo forte a cui desistere. Se, invece, i parchi tematici non fanno al caso vostro, potrete visitare il bellissimo Temple de Sagrat Cor, una chiesa in stile neogotico che domina Barcellona.

Monte Tibidabo Barcellona

Monte Tibidabo Barcellona

Belvedere Turó de la Rovira

Per rimanere in tema di viste mozzafiato e luoghi poco conosciuti, potete far tappa al belvedere del Turó de la Rovira. Da questo luogo, considerato patrimonio della città, oltre allo skyline a 360 gradi, avrete la possibilità di vedere alcuni bunker costruiti durante la guerra civile spagnola. L’accesso è completamente gratuito e interessante anche per i bimbi.

Belvedere Turó de la Rovira

Belvedere Turó de la Rovira


Il Labirinto d’Horta

Il Labirinto d’Horta è uno dei luoghi segreti imperdibili se passate per Barcellona. Si tratta di un giardino un tempo appartenuto a una singola famiglia, riconvertito poi in un bellissimo labirinto aperto al pubblico. L’ubicazione periferica di questo parco aiuta a mantenere il segreto della della sua magica bellezza. L’entrata è a pagamento ed è accessibile anche con i più piccoli.

Labirinto D'Horta Barcellona

Labirinto D’Horta Barcellona

Comments are closed.